______ Prima di inviare una e-mail eliminare il carattere spazio prima e dopo il simbolo @

Piazze Telematiche - Torna all'home




ATTIVITA' / Documenti Elenco dei Documenti disponibili

Riepilogo vantaggi delle soluzioni proposte

Piazze Telematiche e Centri di Teleautomobili


LItalia è un paese che ha poche materie prime, un territorio limitato, costo del lavoro elevato per attività a basso contenuto dintelligenza, costo del lavoro basso per attività ad elevato contenuto di intelligenza (laureati e diplomati attualmente disoccupati).

Inoltre sul territorio si stanno generando notevoli squilibri sul piano demografico ed economico. Alcune zone si vanno spopolando con forte rarefazione della popolazione (zone montane, ecc.), altre zone esercitano una forte attrazione con addensamenti di popolazione che compromettono la qualità di vita (aree metropolitane).

Lunica strada per lItalia, per conseguire un riequilibrio dei fattori di sviluppo sul territorio e allo stesso tempo per competere nel mercato globale, è quella di puntare sulleccellenza e la qualità.

La qualità e leccellenza comportano lo scambio intenso di informazioni, di servizi a tecnologia avanzata, ecc. Occorre pertanto dotare il paese di infrastrutture di comunicazione telematica (Piazze Telematiche) al più alto livello possibile e, poiché in questo processo di sviluppo vanno coinvolti tutti gli attori del cambiamento (Istituzioni centrali e locali, aziende e cittadini), tali infrastrutture devono essere accessibili a tutti i soggetti e ovunque sul territorio.

I collegamenti telematici quindi tra le Piazze Telematiche dovranno essere quindi minimo in ADSL (2Mb/s) da subito e in prospettiva in ATM (34Mb/s 155Mb/s).

La definizione della "piattaforma PIAZZE TELEMATICHE / sociale-urbanistica-telematica" ha l'obiettivo di contribuire a realizzare i tre obiettivi fondamentali fissati dal Consiglio europeo dei Ministri nel recente incontro tenutosi nel mese di maggio

(Schéma de Développement de l'Espace Communautaire SDEC -http://www.inforegio.cec.eu.int/wbdoc/docoffic/official/sdec/som_fr.htm)

per la gestione del territorio e precisamente:

1. coesione economica e sociale

2. valorizzazione del patrimonio culturale

3. una competitività più equilibrata su tutto il territorio europeo

La piattaforma Piazze Telematiche è alla base di tutti gli aspetti connessi alla progettazione, alla realizzazione e all'esercizio della rete di Piazze Telematiche e con riferimento al ruolo sia delle Istituzioni (enti centrali e locali), sia dei soggetti privati coinvolti

Le reti telematiche hanno un impatto centrale ai fini del riordino funzionale e strutturale del territorio: dipende però da come vengono utilizzate.

Le reti telematiche utilizzate soltanto per rendere più efficienti i vecchi sistemi urbani e i vecchi modelli organizzativi di Istituzioni ed Aziende finiscono per essere utilizzate al minimo delle potenzialità, senza aggiungere efficacia ai vari sistemi e quindi di poco vantaggio per un modello di sviluppo sostenibile: attraverso le reti telematiche scorre la cultura necessaria a mantenere lo status quo di istituzioni e di aziende manifatturiere in cui la misura dei risultati è quantitativa e di mercato, senza attenzione agli aspetti sociali ed ambientali.

Le reti telematiche utilizzate per rigenerare nuovi poli di attrazione economica e sociale, quali le Piazze Telematiche e i Centri di Teleautomobili possono innescare fenomeni di riordino funzionale e strutturale del territorio, riorientando gli attuali flussi di traffico e di informazioni, con conseguente totale cambiamento del modello di utilizzo delle reti telematiche

Inoltre si introduce il concetto della gestione delle risorse in quanto non si possiede più un bene materiale tipo il proprio Personal Computer o la propria Auto, ma si utilizzano tali oggetti in forma di servizio / noleggio dove, come e quando se ne ha bisogno.

Con la rete di Piazze Telematiche e Centri di teleautomobili si viene a configurare un approccio integrato e sostenibile al sistema urbano dei territori con una crescente rarefazione della popolazione, ma ad alto valore insediativo ed ambientale, ponendosi la finalità di porre un freno all'abbandono di tali zone mediante la creazione di nuove opportunità dotando tali aree di servizi, di reti di eccellenza e di parità di accesso alle infrastrutture e alle conoscenze per garantire livelli adeguati alle situazioni urbane di maggiore dimensione ed importanza.

FUNZIONE POLIVALENTE DELLE PIAZZE TELEMATICHE

La funzione delle Piazze è:

a) culturale (perché concorrono a realizzare l'ormai non più dilazionabile nuova alfabetizzazione nonché la diffusione e la conoscenza del patrimonio artistico e culturale locale)

b) economica (perché veicolano le iniziative dell'imprenditoria esistente e concorrono a crearne nuova basata essenzialmente sui beni immateriali);

c) istituzionale (perché favoriscono la comunicazione diretta tra istituzioni e cittadini, la cosiddetta democrazia elettronica).

d) urbanistica ( perché servono ad innalzare il grado di vivibilità, di sicurezza e di efficienza del sistema urbano. La Piazza è, infatti, un'infrastruttura, concentrata in luogo fisico ( edifici dismessi e da riqualificare, inserita in una pianificazione logico-funzionale parallela a quella esistente fisico-territoriale).

PIAZZE TELEMATICHE E SISTEMI LOCALI

La rete di Piazze telematiche si caratterizza per essere fortemente legata alla 'località. Esse favoriscono e veicolano l'innovazione locale per migliorare la competitività dei SISTEMI LOCALI.

Il presupposto sul quale si base tale obiettivo è il seguente:

1) le condizioni che determinano la domanda sono diventate globali;

2) le condizioni dell'offerta hanno assunto specificazioni locali:

L'offerta cosi' si connota territorialmente perché la comunità insediata su un determinato territorio, diventa essa stessa FORZA PRODUTTIVA che compete, come le altre, facendo leva anche sulla propria storia, la propria cultura che insieme costituiscono la propria identità.

La competitività, motore dello sviluppo, in tale contesto, diventa non solo fenomeno aziendale, ma anche territoriale; sicché le politiche economiche assumono una connotazione territoriale. Nascono cosi' i SISTEMI LOCALI, ed essi diventano UNITÀ ELEMENTARI in cui organizzare:

1) il mercato del lavoro

2) le politiche di sostegno della Pubblica amministrazione

3) le strategie competitive dell'impresa.

Lo sviluppo non è più il risultato della somma di tanti comportamenti imprenditoriali separati tra di loro, ma è la reazione unitaria e complessa di un SISTEMA LOCALE alle opportunità del mercato.

Lo sviluppo richiede a sua volta l'esistenza di due presupposti:

1) la disponibilità in loco di risorse e dotazioni materiali

2) una vasta gamma di risorse immateriali.

In questo modo quando un sistema locale non incontra strozzature dal lato delle dotazioni materiali e ha un efficiente meccanismo di acquisizione e moltiplicazione di risorse immateriali, la sua competitività si traduce in CRESCITA.

In tale contesto le Piazze telematiche sono le sintesi tra IL LOCALE ED IL GLOBALE, ossia tra l'offerta locale e la domanda globale e diventano glocali.

Minore consumo di territorio grazie al recupero a nuove funzioni urbane di edifici o aree industriali in disuso e degli spazi - parcheggio con la possibilità di accesso per tutti i cittadini ai sistemi e servizi di noleggio di "postazioni telematiche" e di "tele-automobili";

Riorientamento dei fenomeni del consumismo di massa di beni materiali verso lutilizzo-noleggio di massa di servizi e di beni materiali (es.: postazioni telematiche a fruizione collettiva, Tele-Automobili) ad alto contenuto immateriale (soprattutto per quei beni utilizzati poco rispetto alla loro durata di vita);

Auto-regolazione dei fenomeni incontrollabili legati allinterattività a distanza dispersa e casuale sul territorio metropolitano con la creazione di forti Punti Magici-Poli di attrazione sociale ed economica;

(Es.: se 20 milioni di italiani nel 2000 si parleranno tramite cellulare, cè da ipotizzare che tutti questi scambi interattivi di informazioni a distanza di "bit virtuali" potrebbero trasformarsi in spostamenti per incontri "faccia" a "faccia" generando degli effetti sulle reti di trasporto assolutamente imprevedibili);

Riorientamento degli attuali flussi di traffico a seguito della nascita delle Piazze Telematiche e dei Centri di Tele-Automobili di quartiere o distretto che consentiranno il Telelavoro, laccesso a servizi telematici e alla stragrande maggioranza delle funzioni dell città moderna;

Riordino funzionale e strutturale del territorio nel suo complesso;

Creazione di punti di controllo e gestione di fenomeni tipo linquinamento elettromagnetico, il commercio elettronico "globale" che taglia fuori le realtà economiche "locali", ecc.;

Maggiore controllo sulla pirateria informatica grazie al fatto che è più semplice studiare dei sistemi "antipirateria" per un numero limitato di Piazze Telematiche (circa 20.000) rispetto al dover controllare 19.000.000 (circa il numero delle famiglie italiane) di sistemi di accesso alle reti telematiche domiciliari famigliari (nellipotesi di non esistenza della Piazza Telematica nella città telematica);

Minore quantità di spazzatura elettronica e altri rifiuti a parità di continuo adeguamento delle infrastrutture tecnologiche a seguito di obsolescenza;

Avvio di un modello di sviluppo sostenibile e quindi di nuove occupazioni legate alleconomia "immateriale-dematerializzata", sicuramente meno inquinante di quella legata alleconomia di beni materiali;

Altri vantaggi derivanti dallintegrazione tra servizi telematici e gestione ottimale della mobilità fisica possono scaturire dalla diffusione del commercio elettronico

Attualmente per fare la spesa è molto conveniente andare nei grandi Centri commerciali che, grazie alleconomia di scala, offrono un vasto assortimento e possibilità di scelta a prezzi competitivi rispetto a quelli del piccolo negozio specializzato, tra laltro in via di rapida estinzione.

Risultato di questo modello di sviluppo della distribuzione commerciale è quello che ogni giorno migliaia di acquirenti devono recarsi al supermercato per fare gli acquisti.

Unipotesi oggi possibile è quella di immaginare che nelle Piazze Telematiche che stanno nascendo ci sia la possibilità tramite i servizi di commercio elettronico di visitare supermercati virtuali in cui sia possibile vedere la merce esposta su grandi schermi ad alta definizione in modo da comprenderne le caratteristiche fin nel minimo dettaglio, ecc., effettuarne quindi lacquisto on-line.

Se a fare la spesa virtuale saranno ad esempio cento persone al giorno residenti in un quartiere, a quel punto il supermercato si potrà attrezzare con "camioncini" speciali, e invece di avere cento persone che spostano cento auto per andare a fare la spesa, si avrà un solo veicolo che si sposta per rifornire 100 persone.


Elenco dei Documenti disponibili





Torna ad inizio pagina


Piazze Telematiche©® Copyright 1993-2005
E-mail: Prima di inviare una e-mail eliminare il carattere spazio prima e dopo il simbolo @