______ Prima di inviare una e-mail eliminare il carattere spazio prima e dopo il simbolo @

Piazze Telematiche - Torna all'home




ATTIVITA' / Documenti Elenco dei Documenti disponibili


17 gennaio 2000

L'INNOVAZIONE AL GOVERNO

di Domenico Campana

 

Salutiamo con favore la nascita, in seno al Governo, di un Sottosegretariato per l'innovazione tecnologica e per Internet affidato al senatore Stefano Passigli. Il Sottosegretario avra' anche compiti di promozione e coordinamento delle attivita' del governo.

La decisione dell'Esecutivo e' un importante riconoscimento del valore strategico che le nuove tecnologie dell'informazione e della comunicazione hanno per lo sviluppo del Paese.

Il governo D'Alema si e' mosso, sinora, in sintonia con le esigenze e con il ruolo che il nostro Paese dovra' esercitare per stare al passo con gli altri Paesi maggiormente industrializzati . Ha creato una cornice istituzionale per preparare l'entrata a pieno titolo nella Societa' dell'informazione.

E' in piena attivita', a questo proposito, un Forum per la Societa' dell'Informazione, presieduto dallo stesso Presidente del Consiglio e coordinato da Giuseppe Rao, al quale l'Associazione Piazze Telematiche ha dato il suo contributo di presenza e di idee. Il Forum ha il compito di elaborare proposte che costituiranno la base del Piano di azione dell'Italia per lo sviluppo della Societa' dell'informazione alla quale la legge Finanziaria approvata lo scorso 18 dicembre, destina risorse finanziarie. Nella relazione che accompagna il documento economico-finanziario si legge, fra l'altro, che '' le nuove tecnologie sono un fattore fondamentale per lo sviluppo economico, sociale ed umano perche' concorrono allo sviluppo della produzione, del lavoro, del commercio e dell'istruzione''. Si riconosce, inoltre, la necessita' di un ''piano unitario di interventi che coinvolgendo amministrazioni pubbliche, imprese ed enti vari, acceleri la trasformazione e recuperi i ritardi accumulati''.

Dunque le premessse ci sono. Abbiamo, pero', l'impressione che ora ma anche dopo, con il cosiddetto Piano d'azione, si intende imboccare la strada degli interventi settoriali che, se pur necessari, non mettono in condizione il Paese di navigare, senza creare nuove diseguaglianze, verso la Societa' dell'informazione.

Sono indispensabili, invece, sia una strategia industriale sia una strategia culturale che, insieme, cambino il modello di sviluppo di questo paese che non e' piu' agricolo, ma non e' neanche completamente post-industriale. L'Italia ha bisogno di una rete interconnessa di solide infrastrutture telematiche pubbliche attraverso le quali far passare tutto il processo del nuovo sviluppo che non si svolgera' piu' tra ''chi ha '' e ''chi non ha'', la logica economica e anche di potere che ha dominato il Ventesimo secolo, ma tra ''chi sa'' e ''chi non sa'', la logica del Ventunesimo secolo dell'economia immateriale e digitale.

''E' il definitivo tramonto - scrive sul ''Corriere della Sera'' Piero Ostellino - del marxismo come materialismo storico, come teoria del capitalismo e della rivoluzione. Ma anche della teoria liberale dell'uguaglianza delle opportunita' che nel mercato, il luogo di scambio di 'beni immateriali' aveva identificato lo strumento di elevazione e di riscatto sociale. L'accesso a quel bene ''immateriale'' che e' la conoscenza , non scambiabile sul mercato - conclude Ostellino - sara' assai piu' difficile e complesso, comportando una serie di risorse, non solo finanziarie, ma soprattutto sociali delle quali molti non dispongono e difficilmente disporranno''.

Puo' allora lo Stato, il governo limitarsi ai soli interventi con il rischio di lasciare l'''economia immateriale'', il fattore costituente il nuovo sviluppo nella societa' dell'informazione, nelle mani di pochi, ossia di quelli ''che sanno'' ? Sicuramente no.

Se la nostra Associazione ha un merito questo e' certamente quello di continuare a spendere le sue energie per mettere a punto un progetto che eviti i rischi appena paventati e per dare, senza nessuna presunzione di aver in mano la medicina salvifica in assoluto, uno strumento al nostro Paese (il progetto e' stato presentato nell'ambito degli incontri organizzati dal Forum della Presidenza del Consiglio) con il quale vanificare il pericolo di nuove diseguaglianze.

Il senatore Franco Bassanini, ora ministro della funzione pubblica, in un convegno svoltosi a Roma il 19 marzo dello scorso anno, ha tracciato una ''strategia'' che ci trova pienamente consenzienti: ci sembra assai vicina a quella cui si ispira il nostro progetto, ossia una rete pubblica di Piazze telematiche funzionalmente distribuita su tutto il territorio della Penisola.

''Mi sembrano particolarmente interessanti - afferma Bassinini - le iniziative di quelle Amministrazioni pubbliche che hanno realizzato e stanno realizzando luoghi pubblici per l'accesso alle nuove tecnologie. Si supera cosi' il problema della diffusione limitata del Pc e contemporaneamente si creano delle opportunita' di socializzazione: mi pare questo un modo di pensare molto consono alla nostra cultura, per coniugare le nuove tecnologie, la loro virtualita' con la grande concretezza dei rapporti sociali e conviviali che da sempre si hanno nelle nostre citta'. La costruzione di luoghi fisici in cui si usano le nuove tecnologie e' importante anche per altri motivi: l'innovazione tecnologia si nutre in buona misura della possibilita' di scambiare facilmente informazioni complesse che dipendonno fortemente dal contesto di applicazione, sviluppando rapporti di fiducia e di conoscenza che almeno in parte sono legati agli scambi tra persone fisicamente vicine fra loro. E' in questo pensare, discutere e lavorare gomito a gomito che nasce l'innovazione. La creazione di luoghi fisici - conclude Bassanini - per l'accesso pubblico alle nuove tecnologie e' allora il primo passo anche per la creazione di 'distretti virtuali' luoghi di eccellenza per la produzione dei beni e servizi basati sulle nuove tecnologie''.

Vorremmo chiedere (lo faremo anche al di fuori di queste colonne) al senatore Passigli, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio per l'Innovazione tecnologica e Internet se concorda con il collega di governo, senatore Franco Bassanini, ministro per la funzione pubblica. L' 'Associazione Piazze Telematiche e' disponibile ad un confronto sulla base del suo progetto che e' compatibile con la ''logica'' espressa da Bassanini.



Elenco dei Documenti disponibili


Torna ad inizio pagina


Piazze Telematiche©® Copyright 1993-2005
Prima di inviare una e-mail eliminare il carattere spazio prima e dopo il simbolo @