______ Prima di inviare una e-mail eliminare il carattere spazio prima e dopo il simbolo @

Piazze Telematiche - Torna all'home




Testo del PRUSST per il
Comune di Spoleto
Elenco dei Progetti

REGIONE UMBRIA

P.R.U.S.S.T.

PROGRAMMA DI RIQUALIFICAZIONE URBANA E SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO

DALLA RICOSTRUZIONE ALLO SVILUPPO

 

PROMOSSO DAL COMUNE DI

SPOLETO

CON I COMUNI DI

FOLIGNO, NOCERA, ARRONE, BASTIA UMBRA, BEVAGNA, CAMPELLO SUL CLITUNNO, CASCIA, CASTEL RITALDI, CERRETO DI SPOLETO, FERENTILLO, MASSA MARTANA, MONTEFALCO, MONTEFRANCO, MONTELEONE DI SPOLETO, NORCIA, POGGIODOMO, POLINO, PRECI, S.ANATOLIA DI NARCO, SCHEGGINO, SELLANO, SPELLO, TREVI, VALLO DI NERA, VALTOPINA,

CON LE PROVINCE DI

PERUGIA e TERNI

CON LE COMUNITA MONTANE DI:

VALTOPINA E MONTE SUBASIO, MONTI MARTANI E DEL SERANO, VALNERINA, DELLA VALLE DEL NERA E M. S. PANCRAZIO.

CON GLI ENTI PARCO DI:

SUBASIO, COLFIORITO, NERA.

 

AGOSTO 1999


PROGRAMMA DI RIQUALIFICAZIONE URBANA E DI SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO

Ministero dei Lavori Pubblici

STUDIO DI FATTIBILITA PER LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI "PIAZZE TELEMATICHE"

 

REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE DELLASSOCIAZIONE

TECNICO-SCIENTIFICA E CULTURALE "PIAZZE TELEMATICHE â "




PROGETTISTA INCARICATO PRUSST:

Dott. Milvio Sabatini
COLLABORATORI:

Arch. Patrizia Campili (consulenza per P.zze Telematiche)

Arch. Anna Luisa La Teano
Arch. Marco Santi
Arch. Marco Sgro'
Geom. Antonio Aino

Mauro Moriconi (CAD Operator)


 

1. premessa

1.1 Lidea-progetto "piazze telematiche"

Lambito territoriale costituito dal Comune di Spoleto e zona limitrofe, dai Comuni della Valnerina e dai Comuni montani del folignate, per i suoi aspetti insediativi è caratterizzato da presenze urbane significative per la loro storia e per le loro attività, dove nel tempo i valori naturalistici si sono intrecciati ad insediamenti storici di piccola e media dimensione.

Lidea del progetto, nasce dalla consapevolezza che è necessario formulare un assetto del territorio mediante azioni mediate, tese al riequilibrio, in cui si eserciti una pressione più mitigata sulle zone a maggiore inurbazione, che manifestano fenomeni di progressiva difficoltà di assorbimento, mediante un elevamento della qualità degli insediamenti minori a cui vanno offerte maggiori opportunità di conoscenza ed una diffusione delle tecnologie in grado di rendere indifferenti le distanze e le frammentazioni degli insediamenti.

Nelle zone con popolazione rarefatta è in atto un fenomeno di crescente invecchiamento che nelle situazioni più esasperate produce effetti di abbandono e di degrado dei nuclei storici insediativi e del territorio nel suo complesso.

Per diminuire la fragilità insediativa è necessario puntare alla tutela della sostenibilità ambientale urbana e territoriale ed alla creazione di unofferta di servizi e strutture anche telematiche in rete, complementari a quelle delle città maggiori, per consentire unagevole accesso ai servizi di maggiore importanza, rendendo ininfluenti le distanze fisiche e fornendo nuove opportunità di lavoro.

Le problematiche che si intende affrontare con l'idea "Piazze Telematiche" possono essere così sintetizzate :

  1. .l'emergenza "lavoro e disoccupazione";
  2. .l'emergenza "emarginazione sociale".
  3. .ricondizionare strutture urbane in disuso, qualora ce ne fossero, per la teleistruzione, la telemedicina
  4. .lassistenza agli anziani,
  5. .la fornitura di servizi di informazione commerciale,
  6. .le informazioni per la ricerca, le informazioni per il confezionamento ed il miglioramento della offerta di tutti i prodotti locali: alimentari, gastronomici, artigianali etc.
  7. .servizi per il cittadino facilmente disponibili per via telematica presso self service anagrafici, previdenziali, fiscali, bibliotecari -ISBN-), in connessione con organismi pubblici e privati ( INPS, Ministeri, Istituti per il commercio, Organi del turismo e dello spettacolo etc.)

8) nuove attività per il tempo libero e la comunicazione in generale: conferenze, forum, dibattiti, eventi radiofonici e televisivi, reti di Internet caffè.

    1. Piazze telematiche

L'utilizzo del vocabolo "piazze" non serve solo per sottolineare il valore semantico di un luogo urbano tradizionalmente dedicato per eccellenza alla comunicazione, all'incontro, allo scambio di merci (materiali e immateriali) e di servizi. Si vuole intendere una rete di luoghi urbani (network di Piazze Telematiche) collegati da reti telematiche e sufficientemente presenti sul territorio della Città' per assicurare "nuove funzioni urbane", capaci di avviare un nuovo policentrismo in virtù del forte potere di attrazione conseguente alla concentrazione di servizi tecnologicamente avanzati, offerti dalle Piazze Telematiche insieme ai contatti sociali.

1.3 Caratteristiche generali delle Piazze Telematiche:

  1. luogo fisico, di concentrazione di servizi basati su potenti strumenti HW, SW, TLC; e quindi luogo di accesso e navigazione nello "spazio comune di informazione";
  2. luogo pubblico, di accesso alla conoscenza ed alla fruizione della "materia prima" informazione, per il lavoro, lo studio, la creatività d'impresa, l'interfaccia con la pubblica amministrazione e con altri soggetti per fini:
  3. 1.imprenditoriali/professionali/commerciali/finanziari

    2.culturali/cognitivi/informativi

    3.amministrativi/fiscali/previdenziali/autorizzativi

    4.di intrattenimento, tempo libero, socializzazione ecc.

  4. nuova polarità urbana, dotata di sufficiente massa critica, economia di scala, vivibilità d'ambiente, per avviare un processo aggregativo basato su un mix di interessi capaci di innescare una spirale virtuosa di attrazione verso la nuova polarità.
  5. luogo di attrazione di flussi di pendolarità quotidiana, grazie ad una precisa funzione urbana e all'interesse che suscita nei cittadini; suscettibile;

 

1.4 Effetti della realizzazione delle "Piazze telematiche":

  1. a breve termine, di re-indirizzare i flussi occasionali e permanenti di mobilità;
  2. a medio/lungo termine, di modificare la tipologia e la qualità degli insediamenti, delle strutture, delle infrastrutture, dei servizi gravitanti sulla nuova polarità.
  3. occasione per realizzare un progetto di recupero di edifici, di aree dismesse, per contribuire al superamento della frammentazione urbana e dell'assenza di identità, innescando processi di neoradicamento ed integrazione fondati su:

sviluppo autocentrato

valorizzazione delle risorse (umane, imprenditoriali, ambientali, culturali ecc.) locali

una nuova opportunita' per l'Ente Pubblico locale di assumere un ruolo imprenditoriale, avviando progetti di recupero e riqualificazione basati su condizioni di project financing concordate fra Ente Pubblico ed operatori privati.

 

1.5 Obiettivi dellidea-progetto "Piazze Telematiche"

ALFABETIZZAZIONE TELEMATICA/MULTIMEDIALE DIFFUSA

L'infrastruttura Piazze Telematiche, consentendo l'accesso universale alle Autostrade dell'informazione, facilita l'alfabetizzazione di massa dei cittadini nell'utilizzo della telematica e della multimedialita', promuovendo nel contempo la conoscenza dei nuovi strumenti per l'informazione e la comunicazione.

NUOVA OCCUPAZIONE

Le Piazze Telematiche, essendo frequentate da un pubblico molto eterogeneo (grazie alla contemporanea presenza degli spazi sociali e degli spazi telematici) sono luoghi necessariamente multidisciplinari e costituiscono pertanto il luogo piu' proprio per stimolare l'iniziativa in campo lavorativo e imprenditoriale.

TELE-LAVORO

Le Piazze Telematiche, offrendo occasioni di incontro (non solo con le tecnologie, ma anche tra persone), consentiranno di eliminare gli inibitori che ostacolano la pratica e la diffusione del tele-lavoro. In tal modo esse svolgeranno un ruolo centrale per accelerare la diffusione di questo innovativo metodo di lavoro.

DEMOCRAZIA TELEMATICA

Nella nuova realta' sociale, pervasa dalla telematica, esiste un forte rischio che si creino nuove forme di emarginazione, dovute alla scarsa cultura o alle modeste disponibilita' economiche di una parte della cittadinanza.

Le Piazze Telematiche mettono i cittadini nella condizione di partecipare spontaneamente a conferenze telematiche su argomenti di pubblico interesse.

Con le Piazze Telematiche l'Amministrazione agevolera' l'integrazione delle minoranze nel tessuto sociale ed economico delle attivita' cittadine, riducendo i pericoli insiti nell'esclusione.

Lo spazio sociale delle Piazze telematiche (per esempio, l'Internet-Club) facilitera' alle minoranze lo sviluppo di canali stabili per comunicare e socializzare.

PIANO REGOLATORE DELLE "PIAZZE TELEMATICHE"

Questo obiettivo e' di fondamentale importanza per rendere compatibili i piani di cablatura delle Città' con i Piani urbanistici.

La nuova Societa' dei Servizi impone nuove logiche. Il Tele-lavoro, l'occupazione telematica, l'intrattenimento telematico, la trasparenza democratica delle politiche cittadine, ecc., impongono la creazione di strutture innovative. Nasce una nuova dimensione cittadina, quella "degli spazi vuoti", nuovi luoghi di incontro all'interno di edifici. Fino ad oggi il Piano Urbanistico e' stato fatto sulla base degli "spazi pieni": gli edifici socio-economici, i quartieri abitativi, le vie di comunicazione fisica e di trasporto di massa. I nuovi Piani Regolatori dovranno tenere conto di questa nuova dimensione, degli "spazi vuoti" che si sovrapporranno agli "spazi pieni".

La nuova Societa' dei Servizi impone una vera e propria rete di Piazze Telematiche, da pianificare con innovativi piani urbanistici, che tengano conto della contemporanea presenza di "spazi pieni" e di "spazi vuoti".

 

1.6 Come attuare e gestire lidea-progetto "Piazze Telematiche'

 

1^ fase: presentazione PRUSST preliminare:

2^ fase: approvazione: progettazione a totale carico dello stato

3^ fase: progettazione esecutiva delle opere a totale carico dello stato

4^ fase: approvazione dei progetti con erogazione del contributo pari al 65% con fondi CEE

5^ fase: individuazione da parte dei Comuni (Consorzio) di un eventuale partner col quale concorrere al restante 35% dellinvestimento per l'esecuzione dell'opera (partner che potrebbe svolgere la funzione di Gestore del Servizio) , oppure di una società che intervenga per la suddetta intera quota.

6^ fase: esecuzione dell'opera pubblica che resta di proprietà dell'Ente Pubblco.

Il Gestore verrà scelto dal comune con gara d'appalto.

Il personale per la gestione della piazza telematica, manutenzione, pulizia e vigilanza sono a carico del Gestore.

Nel caso in cui il comune fornisca solo i locali può prevedere in fase di appalto delle convenzioni agevolate per i residenti, per gli uffici comunali, ecc oppure affitto.

 

    1. Localizzazione delle "Piazze"

  • luogo fisico, di concentrazione di servizi basati su potenti strumenti HW, SW, TLC; e quindi luogo di accesso e navigazione nello "spazio comune di informazione":
  • luogo pubblico, di accesso alla conoscenza ed alla fruizione della "materia prima" informazione, per il lavoro, lo studio, la creatività dimpresa, linterfaccia con la pubblica amministrazione e con altri soggetti per fini:
  • imprenditoriali/professionali/commerciali/finanziari
  • culturali/cognitivi/informativi
  • amministrativi/fiscali/previdenziali/autorizzativi
  • di intrattenimento, tempo libero, socializzazione ecc.


1.7 Ipotesi schema funzionale di una "Piazza Telematica" tipo









1.8 Descrizione delle funzioni

VIGILANZA

Lattività di vigilanza viene svolta da personale qualificato, mediante apparecchiature destinate al controllo degli accesii alla piazza, alla supervisione del regolare svolgimento delle diverse attività nei vari ambienti (PC per il controllo e la registrazione monitor con telecamere a circuito chioso, sitemi di rilevazione ecc.)

RECEPTION

La reception è il punto di accoglienza dei fruitori della Piazza, i clienti devono essere registrati, la registrazione deve essere effettuata in maniera completa e dettagliata solamente al primo accesso, successivamente sarà sufficiente la lettura della tessera magnetica. La reception si occupa anche della parte telefonica (centralino, informazioni ecc.)

SALA COMUNE

In quest ambiente sono posizionati alcuni chioschi con funzioni di punto informativo per la promozione sociale/commerciale e turistica del territorio, da qui sarà possibile accedere ai vari servizi.

CENTRO SERVIZI E COMMERCIALE

Nelle immediate vicinanze dellingresso sarà attrezzata una sala per "centro servizi" dove sarà possibile utilizzare macchinari come fotocopiatrici e stampanti trovando anche un zona adibita a punto vendita. In base alle sigenze locali deve essere prevista unarea dedicata alle attività commerciali collegata alla rete della Piazza con possibilità di pagamento tramite tessera magnetica (edicola, tabaccheria, ricevitoria del lotto, videogiochi ecc.)

SALA CORSI

Lattività di alfabetizzazione che ricopre un ruolo importante nel progetto, deve essere svolta in un ambiente adeguatamente attrezzato, con la possibilità di tenere corsi per principianti, ma anche corsi di approfondimento (aula didattica, videoproiettori, videoregistratori ecc.)

 

 

SALA VIDEO-CONFERENZA

Vicino la Sala corsi ci sarà la sala di video conferenza che potrà essere gestita meglio dalla segreteria generale accettando prenotazioni anche telefonicamente

SALA RIUNIONI

Questa sala, si troverà tra la sala corsi e la sala video conferenze, potrà andare a coadiuvare le attività che si svolgeranno in questultime dando così lopportunità di liberare, in particolar modo, la sala video conferenze.

SALA REGia

Avrà la funzione di registrare e riprodurre audio e video e sarà a servizio della sala video conferenza, sala corsi e sala riunioni.

OPEN SPACE

La zona pubblica adeguatamente dimensionata deve assicurare un rapido accesso ai sistemi informativi del Comune ed alla rete Internet.

LOpen Space, è destinato allutilizzo individuale dei servizi telematici messi a disposizione e ad applicazioni specifiche.

SEGRETERIA CONDIVISA

La segreteria condivisa potrà essere di aiuto alle attività lavorative o di studio dei frequentatori della Piazza Telematica.

COLLEGAMENTI VERTICALI

I collegamenti verticali sono rappresentati dal vano scale e dal vano ascensore che si affacceranno sulla zona filtro permettendo la comunicazione tra il piano superiore, piano inferiore e seminterrato.

UFFICI

La parte dedicata agli uffici è il business Center della Piazza che deve garantire una adeguata riservatezza con la possibilità di svolgere attività di Telelavoro, ma anche incontri e piccoli meeting.

GESTIONE INTERNA

Gli uffici per la gestione interna sarà composta da una direzione e segreteria

CED

I locali CED verranno dislocati negli ambienti seminterrati, raggiungibili sia dall'interno che dall'esterno.

Altre importanti funzioni che devono essere collocate llinterno della Piazza Telematica sono anche:

ASSISTENZA

Lassistenza è dedicata al corretto funzionamento delle strutture della Piazza ed al supporto tecnico per i clienti.

RISTORO

Allinterno della Piazza viene previsto un punto ristoro che deve essere dimensionato secondo le esigenze locali, ma che deve essere collegato alla rete della Piazza e permettere operazioni di transazione con tessera magnetica

 

  1. REALIZZAZIONE DELLE STRUTTURE "PIAZZE TELEMATICHE"

Per procedere concretamente alla realizzazione di una serie di strutture diffuse sul territorio e collegate in rete è necessario individuare sedi che presentino le caratteristiche precedentemente esposte ed avviare il processo di esecuzione delle opere.

2.1 Ristrutturazione dei locali

Le opere di Ristrutturazione verranno eseguite in funzione di un "Progetto esecutivo" che dovrà dare le indicazioni per la realizzazione della Piazza Telematica, dal quale emergeranno tutte le fasi di trasformazione dellimpianto come: Demolizioni, Ricostruzioni, Nuovi impianto tecnologico, Viabilità interna ed esterna, Sistemazione spazi esterni, Accessi.

2.2 Impiantistica

Gli impianti da realizzare per grandi linee saranno i seguenti:

  • Impianto elettrico
  • Impianto di condizionamento
  • Impianto antincendio
  • Impianto telefonico e rete LAN
  • Impianto TVCC

Deve garantire

  • Impianto ricezione e distribuzione televisiva
  • Impianto rilevatore di presenze
  • Impianto video-on-demand

2.3 Collegamenti telematici

Per il collegamento telematico verranno stipulati convenienti accordi tra il gestore (Consorzio di Comuni o Privato) e lEnte erogatore di servizi

2.4 Apparecchiature informatiche

Forniture hardware - Personal compiuter , monitor, stampanti a getto di inchiostro e laser , stampanti fotografiche plotter e scanner, tavolette grafiche, masterizzazioni, router , modem, telecamere digitali, unità di backup, fotocopiatrici e fax.

Forniture software- Devono essere acquistate le licenze dei programmi in dotazione, per ogni postazione (accordi con società SW), devono essere acquistati i prodotti per la gestione della Piazza, SW per network, SW per la fatturazione, SW per laddebito di costi telefonici, SW di collegamento con le altre Piazze ecc.

2.5 Arredi

Arredi completi ed ergonomici per postazioni di lavoro, sala di attesa, sale riunioni, sale video conferenza, sale didattiche bancone reception, bancone ristoro.

Il centro dovrà essere quindi arredato in modo funzionale, ma dovrà essere anche confortevole ed accogliente.

 

3. GESTIoNE DEL CENTRO "PIAZZA TELEMATICA"

3.1 Gestione commerciale del centro

Il centro deve assicurare la fornitura di servizi, e per tale scopo dovrà essere condotto con le più moderne tecniche di gestione aziendale, la struttura dipenderà da un responsabile che definirà le linee strategiche per i servizi da fornire, andrà effettuata una campagna promozionale mirata a coinvolgere il maggior numero di utenti, andranno potenziati i servizi più richiesti, andranno assicurati costantemente gli standars (igienici, sicurezza, servizi base), dovranno essere concessi gli spazi pubblicitari interni, andranno stilati accordi con vari fornitori di servizi, andranno elaborate le tariffe per tutti i servizi e per tutte le strutture messe a disposizione.

Andrà organizzata la segreteria del centro che si occuperà delle prenotazioni, della corrispondenza con i clienti dei rapporti con i fornitori e sarà linterfaccia verso limpresa di multiservizio che si occuperà della conduzione del centro.

Dalla segreteria dipenderanno gli addetti delle società che forniranno le varie assistenze.

3.2 Gestione e pagamento dei servizi

Per quanto riguarda la gestione degli accessi e del pagamento dei servizi, lEnte gestore dovrà stipulare una Convenzione con le Aziende di Telecomunicazioni che dovranno essere in grado di assicurare laccesso e il pagamento dei servizi affinché tutti i servizi erogati (in base al loro effettivo utilizzo) nella Piazza Telematica possano essere pagati dagli utenti con uno dei seguenti mezzi:

  • carta di credito telefonica.
  • carta di credito commerciale
  • carta telefonica prepagata

Attualmente, in Italia, il Gestore nazionale delle telecomunicazioni ha stipulato già questo tipo di convenzione e di accordo commerciale con alcuni Comuni (Roma, Venezia, ecc.) e Aziende (ANSA, CERVED, Findomestic, ecc.).

3.3 Manutenzione della struttura

La manutenzione del fabbricato e degli impianti connessi al fabbricato, sarà affidata, a seguito di una gara dappalto, ad un impresa tipo multiservizio, che realizzerà la manutenzione programmata, una sorta di manutenzione preventiva su contratto con interventi periodici scadenzati nel tempo e stabiliti dal capitolato speciale.

Tale manutenzione assicurerà la perfetta efficienza dellimmobile e degli impianti, con un costo fisso preventivabile ad inizio anno. Lo stesso capitolato fornirà anche tutte le specifiche (listino prezzi), di tutti gli interventi che dovranno essere realizzati su richiesta, anchessi potranno essere stimati ad inizio anno.

Limpresa di multiservizi, assicurerà in oltre la presenza continuativa di personale addetto alle riparazioni "urgenti", o si impegnerà ad intervenire in tempi prestabiliti da contratto ( due ore, sei ore, dodici ore) sulla base dellurgenza della chiamata.

Per le pulizie, verranno svolte dalla stessa impresa di multiservizio, secondo un capitolato redatto appositamente per il centro. Sulla base delle esigenze espresse dal centro e sul tipo di affluenza che si prevederà. Il contratto sarà a costi fissi compresi gli accessori ed i ricambi per i locali igienici.

 

 

4 COSTI DI REALIZZAZIONE DELLA RETE DI PIAZZE TELEMATICHE

In questa fase di prefattibilità non si è in grado di stimare con precisione i costi reali visto che questi potranno essere più precisamente computati in presenza di un progetto definitivo contenente, come già detto, i progetti esecutivi di ristrutturazione.

Si è comunque proceduto ad una valutazione dei costi dividendo i Comuni interessati in quattro fasce, in base ai potenziali bacini di utenza di residenti e turisti.

E stato quindi dimensionato un centro tipo por ognuna delle categorie e per ogni caso sono stati calcolati i costi di ristrutturazione, di realizzazione degli impianti, della dotazione hardware, software, degli arredi e di una strumentazione minima.

Di seguito si riporta la suddivisione dei Comuni in gruppi ed una tabella relativa alla organizzazione funzionale dei quattro Centri-tipo .

 

GRUPPO A

COLFIORITO
MONTELEONE DI SPOLETO
POGGIODOMO
POLINO
SCHEGGINO
SANTANATOLIA DI NARCO
SCOPOLI
VALLO DI NERA
VALTOPINA

GRUPPO B

CERRETO DI SPOLETO
MONTEFRANCO
NOCERA UMBRA
PRECI
SELLANO

GRUPPO C

ARRONE
CASCIA
FERENTILLO
MASSA MARTANA
NORCIA

GRUPPO D

SPOLETO (2 Centri)

 

Nella tabella seguente viene riportata la consistenza e lorganizzazione funzionale dei quattro centri-tipo individuati dallipotesi preliminare:






4.1 Prospetto finanziario del progetto

La tabella seguente quantizza i costi per la realizzazione delle quattro tipologie di centro individuate,:






 

Valutazione del costo complessivo

A)L. 660.000.000x9 =

L. 5.940.000.000

B)L. 977.000.000x5=

L. 4.885.000.000

C)L.1.441.000.000x5=

L. 7.205.000.000

D)L.2.110.000.000x2=

L. 4.220.000.000

TOTALE

L.22.250.000.000

 

Come detto precedentemente parte di questa cifra sarà reperita (per 2/3 circa) dal Consorzio dei Comuni interessati attraverso idonei finanziamenti pubblici, la parte rimanente sarà a carico di un soggetto privato da individuare attraverso un bando, al quale potrà essere affidata anche la gestione della Piazze Telematiche.



5. CRONOPROGRAMMA

Redazione progetto esecutivo

mesi 6

Individuazione soggetto privato

mesi 3

Ristrutturazione sedi, realizzazione impianti opere di finitura

mesi 12 (media)

Allestimento arredi e strumentazione

mesi 1

TOTALE

mesi 13





Elenco dei Progetti


Torna ad inizio pagina


Piazze Telematiche©® Copyright 1993-2005
Prima di inviare una e-mail eliminare il carattere spazio prima e dopo il simbolo @